A pasta ‘co capuliatu

13 Novembre 2018
Ricette Tipiche

Può capitare che all’improvviso vi arrivino ospiti a sorpresa e, allora, preparare una ricetta in poco tempo diventa un’occasione per stare piacevolmente insieme, magari preparando qualcosa di genuino e al contempo sfizioso.

Una ricetta alla quale si può ricorrere in queste occasioni, facendo sicuramente bella figura, è a pasta ‘co capuliatu.

E’ risaputo che i pomodori secchi rappresentino una miniera di sostanze benefiche per l’organismo come sali minerali, e soprattutto licopene.

E’ per questo che propongo oggi la ricetta tradizionale gelese a pasta ‘co capuliato, semplice, veloce e molto…salutare!

 

Ingredienti per 4 persone:

-400g spaghetti (preferibilmente trafilati al bronzo)

-150g di capuliato

-3 spicchi d’aglio

-prezzemolo tritato q.b.

-peperoncino q.b.

-parmigiano q.b.

-olio extra vergine d’oliva q.b.

-sale q.b.

Procedimento:

Soffriggere in un tegame gli spicchi di aglio con olio extra vergine d’oliva

Non appena gli spicchi d’aglio si saranno leggermente imbionditi, aggiungere il capuliato e farlo cuocere a fiamma moderata per pochi minuti

Sminuzzare il prezzemolo con lame taglienti, in modo da preservarne la fragranza.

Nel frattempo far cuocere gli spaghetti, utilizzando preferibilmente un tipo di pasta “ruvida”,  in modo da ottenere una giusta emulsione tra pasta e capuliato.

A cottura quasi ultimata, scolare la pasta, prestando attenzione a conservare un po’ di acqua di cottura e aggiungerla al capuliato dopo aver tolto gli spicchi d’aglio.

Mantecare a fuoco basso per alcuni minuti, aggiungendo se necessario qualche cucchiaio di acqua di cottura.

Aggiungere prezzemolo tritato, peperoncino e parmigiano e servire.

Buon appetito!

Laureando in Scienza dell Alimentazione e Gastronomia

I vostri Commenti su “A pasta ‘co capuliatu

  1. Maurizio Papetti
    15 Novembre 2018
    Rispondi

    Una ricetta che sposa tradizione e cucina mediterranea nel modo più semplice e gustoso. Si mangia con gli occhi. Meravigliosa. Complimenti.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

X